Il 14 luglio si festeggia san Camillo de Lellis: le opere nate dal suo carisma per il sollievo dei malati

2021-07-14
Il 14 luglio si festeggia san Camillo de Lellis: le opere nate dal suo carisma per il sollievo dei malati

Più cuore in quelle mani” è il messaggio che ha lasciato San Camillo de Lellis: un'attenzione verso i malati che andasse oltre la cura della sofferenza e che abbracciasse la persona intera. La sua opera ha segnato i secoli a cavallo tra XVI e XVII ed è giunta fino a noi, con una serie di ospedali, presidi e ambulatori che offrono un'accoglienza unica e ben identificata.

Mercoledì 14 luglio ricorre la festa di san Camillo de Lellis, che muore a Roma in questo giorno nel 1614, dopo un vita intensa e dedicata al prossimo. Non era sempre stato così perché Camillo, che nasce a Bucchianico (in provincia di Chieti) il 25 maggio 1550, in gioventù è un soldato di ventura, amante del gioco e di una esistenza al di là di ogni limite. La conversione avviene il 2 febbraio 1575, di ritorno al convento di Manfredonia, dove era stato accolto dai frati cappuccini: decide di diventare a sua volta frate e di dedicarsi ai malati.

È un compito che affronta con grande energia, creando la Compagnia che porta il suo nome, i cui sacerdoti si mettono al servizio degli ospedali sparsi per l'Italia. Camillo è alla base di scelte della moderna sanità, come la tecnica del cambio delle lenzuola senza spostare il malato dal letto o le regole per l'illuminazione e l'aerazione delle corsie ospedaliere. Oppure come le direttive agli infermieri, organizzati per turni e obbligati a riempire la “consegna” al termine del proprio lavoro. Innovazioni in cui il malato era sempre al centro di tutto. Come avviene oggi nelle opere camilliane.

La dottoressa Maria Cristina Marenzi ci racconta dei vantaggi del nuovo mammografo digitale di ultima generazione presente al San Camillo

Il San Camillo celebra la Giornata Mondiale della Fisioterapia e il ruolo fondamentale che rivestono i fisioterapisti nella gestione del Long Covid e nel percorso verso la salute.

Il dottor Giovanni Musella, medico radiologo della Casa di Cura, ci spiega le principali terapie infiltrative eseguite nella struttura

In quest'ultima parte, parliamo delle complicanze del diabete, delle forme di prevenzione e del trattamento FREMS, insieme agli esperti

"Più cuore in quelle mani" è il messaggio che ci ha lasciato il santo e che oggi ritroviamo nel lavoro quotidiano di tutte le persone che operano nella nostra Casa di Cura